(0) 0,00 €
  • Home
  • Blog
  • Business
  • Privato
  • Servizi
  • Eventi Artisti
  • About
  • Contatti
  • Blog

    American Hyperreality progetto fotografico di Eric Randall Morris


    An American Hyperreality è un progetto fotografico del fotografo/l'architetto americano Eric Randall Morris.
    In queste fotografie manipolate, l’architettura vernacolare americana viene rimossa dal suo contesto, distorta e trasformata in modelli fantastici.

    American Hyperreality progetto fotografico di Eric Randall Morris

    Questa serie in evoluzione esplora una visione distorta del sogno americano e rappresenta un’architettura dell’inconscio. La realtà è percezione e ciò che consideriamo normale, non è normale, in realtà; è strano, è bizzarro, è oscuro, è insensato. Sono quelle cose “normali” a meritare di essere osservate e sognate.

    Dopo essermi trasferito in una nuova città, gli spazi nei quali mi sono ritrovato mi risultano del tutto estranei – e tramite la sperimentazione visiva – cerco di rivendicare una qualche forma di proprietà sul nuovo ambiente che mi circonda. Sfruttando la mia professione di designer architettonico per dar forma al mio mondo e a come viene percepito. In pratica queste opere sono spesso meditative, in quanto rappresentano la riconciliazione tra la città della fantasia e la cruda realtà della vita urbana.

    Il tema centrale del progetto è quello dei ’simulacri e simulazioni’, o del confronto tra immagini, segni e di come entrano in relazione simultaneamente. Ognuno di noi si crea un’idea e nutre aspettative rispetto all’ambiente che ci circonda e, che lo ammetta o no, la nostra mente riempie gli spazi lasciati vuoti. Ricordi, esperienze e previsioni, tutto contribuisce inconsciamente ad articolare la nostra percezione della realtà. Questo progetto mira a sfumare i confini tra finzione e realtà.





    Intervista a Eric Randall Morris Artmood: Se dovessi raccontare a qualcuno la storia della tua vita, da dove inizieresti?

    Eric: La mia vita ha molti inizi, ma le cose hanno iniziato a prendere una piega davvero emozionante quando ho ricevuto la lettera di ammissione al Master di Architettura del MIT. Avevo 21 anni, mi trasferii da Atlanta a Boston, e vidi un mondo (il mio mondo) aprirsi davanti ai miei occhi. Penso sia stato allora che la mia vita sia entrata in molteplici nuove fasi e mi abbia spinto a percorrere strade che avevo sempre ritenuto fuori dalla mia portata.  

    Artmood: In che modo la tua formazione di architetto ha influenzato il tuo progetto An American Hyperreality?

    È stata fondamentale – senza di essa credo che il progetto non sarebbe nemmeno mai esistito. La mia formazione di architettura mi ha aiutato a dare una direzione e ad articolare la mia curiosità. L’architettura mi ha fornito un occhio critico e i mezzi per esplorare i miei pensieri attraverso la sperimentazione visiva. Io ritengo che l’arte e l’architettura siano strettamente collegate; e la mia serie An American Hyperreality è un mezzo per esprimere questa relazione.

    Artmood: Descrivi il tuo lavoro in tre parole.            

    Eric: Distopico / Metafisico / Onirico  

    Artmood: Com’è il tuo approccio all’opera e come avviene il processo creativo? Da dove trai ispirazione?              

    Eric: Io sogno di continuo e cerco sempre di portare questi sogni a una qualche forma di realtà. Cerco costantemente di abbozzare questi futuri; a volte non riesco a ricordare o ho difficoltà a riprodurli, ma quando si tratta di visualizzare, svolgo un processo molto iterativo. A volte è davvero faticoso, ma mi metto a sedere e mi butto a capofitto nella progettazione finché non mi sembra che sia finito. È come se tutti i mie progetti poggiassero su questo continuum e io stia semplicemente cercando di immaginare dove mi stiano portando.

    Artmood: Oltre alla fotografia (e all’architettura), quali altre forme di espressività artistica prediligi?

    Eric: Disegnare è la mia grande passione. Faccio schizzi e disegni di continuo, starmene seduto a produrre grandi disegni a mano libera per me ha come un valore di meditazione. Gravito verso composizioni molto minimali + astratte che vanno di pari passo con  l’esplorazione geometrica e gli studi aggregativi. Sto sviluppando questa serie di disegni in seno a una collezione complete dal titolo ‘Circumscribed’ (“Circoscritto”) – al momento è in incognito, ma spero di condividere prsto con voi questa serie!  

    Artmood: Puoi citare un artista, un’opera o una serie di progetti artistici che ti hanno particolarmente influenzato/ispirato nel tuo lavoro di artista?              

    Eric: Per quanto riguarda l’architettura, Atelier Bow-Wow e Pezo von Ellrichhausen sono studi che a livello grafico affrontano l’architettura in modi davvero unici e illuminanti. Anche l’artista digitale Mike Winkelmann, noto ai più come Beeple, rappresenta ogni giorno nuovi scenari retro-futuristici surreali. Definirei le sue immagini come un mix of Blade Runner, Akira e Dr. Suess (anch’egli fonte di grande ispirazione). Tutti questi artisti hanno ampiamente influenzato il mio lavoro e la mia immaginazione con le loro idee + affascinante immaginario.  

    Artmood: Quando lavori, preferi il silenzio o ascoltare musica? Quale?

    Eric: Mi serve la musica per creare qualcunque cosa, mi aiuta a concentrarmi – è come se la musica sbloccasse / allentasse / calmasse / emozionasse la mia mente, tutto contemporaneamente. Tra i maggiori artisti che amo ascoltare vi sono i Radiohead, Yppah, Moderat, Daughter, e The National.  

    Artmood: Qual è l’azione più provocatoria/coraggiosa/originala che hai compiuto da fotografo/architetto?              

    Eric: Quando mi sono liberato dai limiti e dai condizionamenti e ho iniziato a creare per me stesso. Fu assolutamente liberatorio lasciar andare la paura che non fosse ben accetto o valido o bello. Mi sono dovuto ricordare che riguardava solo me e che si trattava della mia personale ricerca creativa. Avrei voluto imparare prima a smettere di cercare di creare per quello che ero convinto gli altri volessero da me.  

    Artmood: Hai un motto o una citazione preferita a cui pensi spesso?              

    Eric: “Se avete costruito castelli in aria, la vostra opera non deve andar perduta; è proprio lì che dovrebbero essere. Ora mettetevi sotto le fondamenta.” - Henry David Thoreau, Walden.  

    Artmood: Internet ha influenzato la tua vita di artista? E che cosa può offrire al tuo lavoro?  

    Eric: Ho difficoltà a pensare alla mia vita da artista senza Internet, non sarebbe nemmeno esistita. Ero stato educato a essere molto protettivo nei confronti di tutto ciò che creavo, ma presto ho imparato ad apprezzare la comunità di artisti + creativi che ho scoperto sui social media. Instagram è stato particolarmente efficace nel connettermi, nell’esplorare e nell’incoraggiarmi a spingermi oltre nell’atto creativo, oltre a farmi diventare più aperto nel voler condividere la mia opera con il mondo. Nonostante le barriere fisiche o le distanze, internet ci regala una vicinanza digitale universale; qeusta accessibilità è un’enorme fonte di ispirazione e una piattaforma preziosissima per continuare a condividere la mia opera con il mondo.    



    Studio Visit dell'artista ceramista Roberto Cambi

    Studio Visit dell'artista ceramista Roberto Cambi

    Visitare lo studio di Roberto Cambi è come entrare in un mondo surreale e incantato dove strani oggetti animati prendono forma ...

    War Chairs Limited Edition Design di OKB SPK

    War Chairs Limited Edition Design di OKB SPK

    Spinto dall'intento di "un recupero del passato con un occhio rivolto al futuro", il duo di artisti e creatori italiano ...

    L’Illustratratrice Amber Vittoria Reinterpreta il Corpo Femminile

    L’Illustratratrice Amber Vittoria Reinterpreta il Corpo Femminile

    Amber Vittoria è una illustratrice che vive e lavora a New York, laureata in Graphic Design presso la Boston ...